Bere latte crudo? E’ un atto politico

giovedì, dicembre 11th, 2008


io bevo il latte crudo. Per me la Parmalat e la Tetrapak possono anche chiudere. Torniamo tutti contadini allevatori, altro che industria. Le vacche non delocalizzano
(Il Frullatore)

(nella foto rivieraoggi.it l’amministrazione comunale di San Benedetto del Tronto che, meritoriamente e come molti altri Comuni italiani, ha fatto un passo avanti materiale e simbolico verso una società più giusta, verso la tutela del nostro lavoro, dei nostri animali, delle nostre campagne, e della nostra salute: UN DISTRIBUTORE DI LATTE CRUDO DAVANTI AL MUNICIPIO, frequentatissimo fino a qualche giorno fa, ora un po’ meno, per colpa della paranoia mediatica scatenata dalle agenzie prezzolate dalle multinazionali del cartone, del trasporto, del latte chimico, degli Ordini dei Pediatri, delle case farmaceutiche, della grande distribuzione)

il latte crudo è buono e non fa male, al massimo al massimo vi fa sedere sulla tazza del cesso, se lo consumate un po’ oltre il limite naturale o se lo avete tenuto sotto il sole quando con la vostra bici tornate a casa dopo una pedalata di venti chilometri sotto il sole di agosto.

BERE LATTE CRUDO DAI DISTRIBUTORI ALLA SPINA E’ UN ATTO POLITICO, teniamo duro

e tenete duro anche voi, Comuni italiani

non sono grillino, però vedete un po’ il caro Paolo De Castro, ex ministro di Prodi, per quale sincero e umanitario motivo parla male del latte crudo…

http://www.youtube.com/watch?v=WhyjcDhdcHE

ma ci facci il piacere….

e poi
http://www.morfina.it/blog/?p=97

“fino a vent’anni fa nessuno era allergico al latte
http://crisis.blogosfere.it/2008/12/nuovo-spauracchio-il-latte-crudo.html

con tutta la merda che ci danno da mangiare e inalare…..ma ci facci il piacere…..

difendere gli allevatori italiani
http://www.meetup.com/Gruppo-Meetup-Amici-di-Beppe-Grillo-di-Brescia/boards/thread/5894510/

(ripeto, non per fare il grillino, ma su queste cose mi sembra che loro abbiano voci giuste e contenuti onesti intellettualmente)

SALUTI CRUDI A TUTTI QUELLI CHE NON CI STANNO
SIAMO TANTI, E FACCIAMO PAURA
MA DOBBIAMO TENERE DURO


Annunci

4 commenti su “Bere latte crudo? E’ un atto politico

  1. Andrea28k ha detto:

    Io sono un gran consumatore di latte crudo e un grillozzo, uno di quelli che ne giugno scorso fece richiesta (grazie anche all’articolo di Annalisa Cameli su SambenedettOggi) per portare i distributori del latte anche a SBT.Sinceramente ne ho le palle piene di questa disinformazione alimentata dalla grande distribuzione, che altro non è se non una grande industria.Vediamo se anche stavolta la politica si muoverà in difesa dei cittadini o degli amici imprenditori/banchieri.Niente di nuovo lo so, ma non fa mai male ricordarselo.Articolo interessante:http://www.disinformazione.it/guerra_latte_crudo.htm

  2. Frank & The Family ha detto:

    anche i Frank & The Family bevono il latte crudo e stanno molto meglio di prima.Un saluto al grande amico Oliver, un augurio per il suo nuovo blog e un complimenti per la qualità delle informazioni.Frank

  3. Anonymous ha detto:

    Voglio esprimere tutto il mio incoraggiamento a perseverare nel loro lavoro preziosissimo e duro a quegli allevatori che hanno deciso, malgrado la campagna di discredito di cui puntualmente sono fatti oggetto da parte delle grosse Multinazionali, di darci finalmente un prodotto genuino e libero da processi industriali di sterilizzazione. Le persone devono capire che il latte dei cartoni che troviamo nei supermercati, oltre ad essere acqua colorata e priva di nutrienti, è importata in gran parte dall'estero. In questi paesi, le condizioni igieniche sono assolutamente carenti e gli animali sono sottoposti a stress produttivi che pregiudicano la salubrità del latte. Per questo le Multinazionali si servono di loro… tanto poi il latte lo “ripuliscono” con i trattamenti termici… che servono però solo a LORO per facilitarne il trasporto e impedirne la deperibilità, mica a NOI, che ce lo beviamo! Voglio porvi una domanda… queste aziende di allevamento estere… chi le controlla ? Da noi i nostri allevatori ci mettono la faccia e sono sottoposti a controlli capillari da parte delle Autorità Sanitarie Locali, ma le Multinazionali ? Chi ci garantisce circa la salubrità dei loro prodotti ? I prezzi troppo bassi con cui mettono in ginocchio i nostri allevatori nel comprare il latte, forti della loro posizione contrattuale enorme, quasi illimitata… non vi dicono nulla sui metodi e le reali finalità delle Multinazionali ? Vi sembra normale il prezzo di un cartone di pseudo-latte a lunga conservazione a 50 centesimi il litro ? Considerate che il prezzo del latte alla stalla viene pagato ad un allevatore, in Italia, ad un prezzo di poco inferiore… e stiamo parlando del latte migliore… Riflettiamo su ciò che ci propinano e agiamo di conseguenza… ne va anche della nostra economia! Cerchiamo di fare i NOSTRI interessi e non i LORO !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...