Potere alla Parola

giovedì, marzo 26th, 2009


Pensiero dei corpi, mantenimento dell’interpretazione dentro la memoria.

Condivisione collettiva, triste ritorno all’intimo, sollevatrice di masse minime e grandi picchi d’intensità. Imbambolamento nel nulla.

Serve a ricordare, ma non è una sensazione aleatoria. Essa rimane, è disponibile, è generosa nel suo concedersi al pubblico ma chiede attenzione e partecipazione. Chiede tutto, lei.

Distrae il dubbioso e confonde il debole, quando vuole. Sa contenere in sé ignobiltà e distorcere le percezioni.
Ma esalta la lotta del giusto, quando viene usata bene. Esprime colore, calore, insegna a vivere, insegna a leggere il mondo.
Quando viene caricata di nobili intenzioni, può sconvolgere e uscir fuori in lacrime vocali.

Può essere un urlo letto su pagina o interiore struggimento, recitato a piena voce in ambito pubblico.
Intimo, oppure, melanconico salir di tono su pensieri inerpicati.
Sempre, comunque, misteriosa azione del suono e intenzionalità del flusso vivente.

Questa è la Parola, questo è il suo Potere. E Roberto Saviano ieri ce l’ha fatto riscoprire con amore e coraggio.

(foto tratta da lastampa.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...