Si sgonfia si sgonfia; sopito, sopito!!!!

giovedì, gennaio 27th, 2011

La vicenda Ruby si sta sgonfiando? B. supererà pure questa? Vedete? Si sta già ammosciando, siamo passati dalla fase sdegno alla fase risata, a breve ci sarà la fine della kermesse macellaia mediatica. Fino al prossimo scandalo
?
Insomma tutti questi, cari amici, sono pensieri legittimi, ipotizzabile che si facciano presto strada, rispecchiando oppure invece creando realtà individuali di comprensione o discorsi pubblici, finanche nelle aule del Parlamento. A proposito, l’insuccesso della mozione di sfiducia a Bondi dice qualcosa? Che sia un segno che nessuno, manco la Lega, contrariamente a quel che si dice, vuole andare al voto?
Caso Montecarlo, casa Tulliani? Riprende il battage, ora, proprio ora. Dispetti.

Chissenefrega, del resto, se questa appare come una fase di un lungo regime di là da finire, o piuttosto solo un regime.
Questa citazione da un pezzo di Luca Telese sul Fatto Quotidiano di mercoledì 26 gennaio è illuminante. E suggestiva, se vista dal lato della strategia di comunicazione. Qualsiasi cosa si pensi di B., che lo si giudichi uno statista o un volgare italiano medio se non peggio, il mondo di B. possiede una capacità di resistenza e di rigenerazione che le viene dal Potere comunicativo della sua Macchina da Guerra, che con il tempo è diventata anche Macchina di Potere politico Statale.
Ecco la citazione ….

“L’attacco a Lerner rientra nella strategia del contropiede pianificata nella prima riunione dell’unità di crisi mediatica di Arcore: Andare in contropiede!, Negare tutto!, Minimizzare!”

Che ci riesca o meno, a minimizzare e troncare e sopire, in questa sede interessa relativamente. Ma qui il tentativo è tutto. La strategia messa in atto è figura del modo di vita di un singolo Potere nella sua irripetibilità. Allo stesso tempo, è immagine e motore di tutta la Storia del Potere nelle sue avventure umane.

Il Potere nega sempre, come farebbe uno scafato adultero. Il Potere va in contropiede, perché sa che nessuno può attaccare sempre e non avere mai paura della risposta violenta. Il Potere infine minimizza, perchè detta la tua agenda e può al contrario massimizzare irrilevanze e mondi lontanissimi da te, facendoli diventare colonna sonora delle tue giornate.
Il Potere, infine, mente per definizione. Perché tutti hanno lati occulti, ma chi ha Potere non li deve mostrare, altrimenti perde la propria legittimazione. La propria identità, in definitiva, rischia sempre di venir mutata in qualcosa di troppo ingovernabile, qualcosa che non va d’accordo con il Potere che invece è definizione, affermazione, contorno netto, pur se tragico. Pur se inverosimile. Ma è meglio l’inverosimiglianza che il grottesco. Altra cosa è l’identità grottesca. Quella, è pur sempre identità. Quindi (almeno teoricamente) compatibile con il Potere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...