Archivio per la categoria ‘misteri d’italia

Intervista a Gioacchino Genchi sulle inchieste della magistratura romana sulla cosiddetta P3

sabato, settembre 18th, 2010

da radioradicale, luglio 2010

….e non solo…
l’iperuranio (mancato, troppo spesso) dei magistrati
la diversità Radicale premonitrice
la corruzione 2.0 e le “agenzie che risolvono problemi”… il caso Scajola come caso di scuola
… la legge dei vasi comunicanti in politica… Berlusconi l’inglobatore….
la nuova p2 e il controllo dell’opposizione….
il caso Boffo e la sua “lettura” in controluce…
il controllo scientifico dell’informazione e la legge Mammì…

http://www.radioradicale.it/swf/fp/flowplayer.swf?30105&config=http://www.radioradicale.it/scheda/embedcfg/307625?30105

Pezzi di storia: la Rizzoli, la P2, lo Ior, Vaticano Spa

lunedì, agosto 31st, 2009

da radioradicale.it, nell’ambito di Cortina InConTra Estate 2009 (vedi qui)

Questo documento video ha dell’impressionante e merita che gli dedichiate un’ora del vostro tempo. Parla di un libro tosto, “Vaticano Spa” di Gianluigi Nuzzi, di archivi informatissimi resi noti forse anche per un livore personale da parte di un big contro dei super big d’Oltretevere, parla di un editore che sostiene di essere stato messo in ginocchio dal sistema piduista, parla del sistema che non si esita a definire “criminale” messo in atto in certi anni dallo Ior, l’Istituto Opere Religiose. Un pezzo di storia che è molto istruttivo conoscere.

Il solenne tradimento: golpe giudiziario e mafia bianca

venerdì, gennaio 23rd, 2009

http://vimeo.com/moogaloop.swf?clip_id=2642517&server=vimeo.com&show_title=1&show_byline=1&show_portrait=0&color=&fullscreen=1
Chi tocca il tasto sbagliato viene trasferito from Pandora TV on Vimeo.

Carlo Vulpio è un giornalista all’antica. Anche la storia della magistratura lucana e calabrese coinvolta dall’inchiesta Toghe Lucane del pm Luigi De Magistris (quando lavorava a Catanzaro) è una storia all’antica.
No, anzi, è una storia modernissima. Modernissima come può essere moderna l’insipienza, l’ingiustizia senza vergogna che rende piccoli piccoli tutti i precedenti. Moderna come può essere moderno un “golpe giudiziario” mai ricordato nella storia italiana, quello che sarebbe stato commesso da una Procura (quella di Catanzaro) che è stata indagata (siamo in uno stato di diritto) con gravi accuse. E che per ritorsione, invece di appellarsi ad altri magistrati, eserciterebbe l’azione penale e di polizia giudiziaria contro la Procura che la sta indagando (quella di Salerno).
Anzi no, un precedente c’è, e sarebbe gravissimo. E’ quello della Procura di Matera, composta da magistrati galantuomini che, sentendo il fiato sul collo di De Magistris durante la sua conduzione di Toghe Lucane, avrebbe deciso di reagire con questo metodo: indagare chi indaga su di te, controllare chi ti sta controllando, attaccare chi ti attacca.
Questo è fuori dalla grazia di Dio, in un paese democratico. Che poi per fare questo, come racconta benissimo Vulpio, si è costretti ad inventare un capo di imputazione delirante, inesistente (associazione a delinquere finalizzata alla diffamazione a mezzo stampa), intercettare in modo subdolo il giudice che sta indagando contro di se’, “sbirciandolo” dalla serratura non direttamente ma nei suoi colloqui con i giornalisti (gravissima violazione del diritto alla segretezza delle fonti per i giornalisti) e con un capitano dei Carabinieri, beh allora non sorprende e non esorbita dal vero la definizione di golpe giudiziario usata da Vulpio.

Cos’è infatti un golpe? E’ la presa violenta del Potere, aggirando in maniera più o meno cruenta le regole dello Stato di diritto, scelte da una nazione e da un popolo per la propria vita collettiva, sulle quali opera e sulle quali si fonda proprio quello Stato che in teoria si dovrebbe difendere, se si è nella veste di magistrati. Uno Stato di diritto, si badi bene, grazie al quale la magistratura stessa esiste come potere autonomo dello Stato.

Una magistratura che compisse un golpe giudiziario, per quanto incruento (almeno nel senso letterale nel termine), rappresenterebbe un fatto inquietante. Rappresenterebbe il trionfo del corporativismo malato, la vittoria della mafia bianca. Cosa c’è infatti che può spingere i dignitari della Legge e i custodi della Costituzione a tradire così clamorosamente proprio quei principi sui quali giurano, e per i quali dovrebbero lottare ogni giorno, anche in forza del proprio carisma sociale e del giusto rispetto economico che ne deriva e che permette loro una vita agiatissima?
La risposta è che questa spinta al solenne tradimento potrebbe venire solo da una forza più forte, più sicura, più garantita e gratificante del rispetto della Legge e della propria scelta di lavorare come suoi custodi.
Questa forza è la mafia, la “mafia bianca”. Un concetto, non un nome proprio. Ma un concetto dalla potenza pienamente dispiegata.
Mafia senza coppola, senza bunker sotterranei e fughe nelle fogne come Giuseppe Setola. Mafia fatta di Potere e di accumulazione del Potere, di ossessione del Potere, di paranoia compulsiva da Potere. Una malattia che genera vincoli di fratellanza e istinti di difesa collettiva, che parte dall’essenza stessa della mafia. Cioè il rispetto assoluto verso una comunione di intenti tenuta in piedi dal Potere nel suo lato più oscuro. Un rispetto assoluto oltre la vita e la morte, oltre i propri solenni giuramenti, anche oltre le cose e le idee più giuste del cuore umano. Chi compie questo solenne tradimento è come un uomo che uccide il proprio padre per avere l’eredità. Chi compie questo solenne tradimento non ha coscienza.

Mafioso, in questa accezione, è colui che ama il Potere con ogni fine, mafiosi sono coloro che difendono questa voglia di Potere, mafiosi sono coloro che vivono questa corsa al Potere aggirando il potere legittimo che uno Stato ha dato loro. Una Mafia dentro lo Stato, una Mafia che si fa Stato annullando l’antiStato, perché è diventata più Stato dello Stato.

Per questo generano angoscia le vicende raccontate da Carlo Vulpio, se un giorno dovessero ricevere una conferma definitiva e inequivocabile. Se così fosse, sarebbe un venir meno della terra sotto i piedi, sarebbe un cielo nero quando si cerca la luce del sole. Sarebbe un solenne tradimento di una negativa potenza epica. Il Male non è nero come lo si dipinge, il Male è anche bianco, bianchissimo.
Il Male è uccidere tuo padre quando lui ti tende la mano perché ha bisogno di te. Questo, metaforicamente, potrebbe stare accadendo, ora e qui?

ALDO MORO/1 Flash per gli informati

mercoledì, dicembre 10th, 2008


(foto tratta da http://www.paginaitaliana.de)

Aldo Moro fu lasciato uccidere dalle Brigate Rosse. Aldo Moro era scomodo agli Usa per il suo pensiero filoarabo più che filoisraeliano. Aldo Moro era scomodo all’Urss e alla sua longa manus Kgb perchè era l’agente patogeno nell’organismo socialismo reale, e coadiuvava il virus dell’eurocomunismo agendo in sinergia con l’altro agente patogeno Enrico Berlinguer.
Il quale a Sofia nel 1973 per poco non fu ucciso da un camion killer, mentre era in auto accompagnato all’aereoporto.

Aldo Moro era antipatico a Cossiga e Andreotti. E anche a Gelli. A Kissinger, poi…Antipatico, sì. Considerate quanto la categoria antipatia/simpatia giochi un ruolo reale nelle umane vicende storiche, anche nelle più grandi. Forse di più ancora, in quelle più grandi.

Aldo Moro conosceva Gladio, Aldo Moro era al corrente del perché la sovranità limitata dell’Italia nel secondo dopoguerra fosse stata tale.
Aldo Moro e le Brigate Rosse nella prigione del popolo. Aldo Moro e il memoriale (intercapedini nel muro, pagine strappate). Aldo Moro e il bitume nelle scarpe. Aldo Moro in spiaggia, non a prendere il sole (era marzo, anche aprile, persino maggio).

Aldo Moro nella Renault 4, vicino a un palazzo aristocratico, occulto, cabalistico? Psico sovietico? Impossibilmente mosso da chi? Mossad?
Cantine nella capitale, spiagge di Cerveteri, blitz possibili e neanche tentati, falsi blitz inconsapevolmente veri su laghi ghiacciati.
Com’era quella canzone di Paolo Pietrangeli? Duchessa, ah si !!

Aldo Moro insegnava all’università, il suo studente Sokolov era un agente del Kgb.
Aldo Moro e le armi che, mi sembra, spararono in via Fani senza mai esser ritrovate. Aldo Moro e l’ostaggio che “doveva perdere di valore”.

……Antipatico, sì. Considerate quanto la categoria antipatia/simpatia giochi un ruolo reale nelle umane vicende storiche, anche nelle più grandi. Forse di più ancora, in quelle più grandi.

Aldo Moro e la tela del ragno, e l’innominato, e l’innominabile, e il pesantissimo…machiavellismo.

Riflettere su Aldo Moro, sulla semplicità, sulla lucidità degli eventi, sui manti storici, sull’ignoranza. Sulla ragion di Stati……