Archivio per la categoria ‘partito democratico

Moderatamente vicini alla fine

martedì, novembre 8th, 2011
Il Pd? Propone un progetto alternativo assieme al terzo polo, con l’mpa, il sostegno esterno dell’udc, l’Api, l’Erg.
I centristi vedono di buon occhio i “gemelli diversi” rutelliani, gli autonomisti siciliani si ricongiungono alle istanze visceral-patriottiche dei finiani, il piddì allo stesso tempo e in parallelo su binari distinti ma che condividono un percorso vuole mantenere un rapporto con le culture radicali e la sinistra massimalista ma ragionista di Vendola, il controcanto bucolico dipietrista, la brillante classe dirigente dipietrista, il modello di partito plurale e aperto al meglio della società civile come è appunto il modello dipietrista.

mah….. non sarà un po’ troppa gente? E per giunta gente, per così dire, poco “eccitante”? Il successo di Renzi – da verificare in un’urna nazionale, ovvio – dipende dal fatto che eccita la fantasia. Il caleidoscopio di cui sopra, al paragone, mi appare come un commodore 64 di fronte a un iPad. Buono per collezionisti di modernariato, al massimo.

intermezzo: PippoCivati cita Dario Franceschini a proposito dell’alleanza made in Sicilia con l’Mpa di Lombardo: «Noi a livello nazionale, per l’emergenza che c’è nel Paese, proponiamo un’alleanza tra centrosinistra e Terzo Polo, tra progressisti e moderati, e mi pare che la linea che sta tenendo il Pd siciliano è dentro questo schema». Sono le parole del capogruppo del Partito Democratico alla Camera dei Deputati, Dario Franceschini, che è intervenuto oggi sul delicato tema dell’appoggio del suo partito alla giunta guidata da Raffaele Lombardo. «Poi – ha precisato Franceschini – le modalità e i tempi li deciderà il partito regionale».

conclusione di puro scazzo, poco mediato ma meditato da parte di chi scrive (io)

Dimenticavo. E’ normale che la parola “moderati” mi faccia venire i brividi?
Domenica pomeriggio ascoltavo su radio radicale una telefonata di berlusconi a un convegno di non so quale microforza di destradestra ma pienamente inserita nel centrodestra.
Berlusca parlava di “centrodestra dei moderati”.
Aaaargh!!!!!! “moderati”… ma che vor dì? e gli estremisti chi sono? Vendola, è moderato o estremista? Bertinotti è un ex estremista (in pensione, e vestito bene, e pure molto)? La Fiom non è tanto moderata. Ferrando, quello del partito comunista dei lavoratori, beh quello è estremista. Ma allora Diliberto è “moderato”. Se Diliberto fosse moderato, Ferrando sarebbe cosa? un moderato estremista? Un estremista moderato?
bah
cambiate termine, vi prego, oppure siete pericolosamente vicini al termine. Di qualcosa, di non so cosa, ma al termine. Forse della pazienza dell’elettore medio (moderato 🙂