Archivio per il Tag ‘giorgio napolitano

Napolitano e il Potere al telefono

domenica, settembre 2nd, 2012

E’ ovvio che il presidente Napolitano non voglia vedere sui giornali le proprie conversazioni. Il Quirinale deve essere “terzo”, non può permettersi che le valutazioni fatte in privato dall’uomo che pro tempore lo rappresenta vengano spiattellate su pubblica piazza.

Ne andrebbe della sua credibilità, accadrebbe un terremoto fra i partiti politici che sostengono una “strana” maggioranza trasversale a sostegno di uno “strano” governo tecnico, nato proprio su iniziativa del Quirinale in un momento di forte instabilità economica del paese e di appannamento dell’immagine internazionale del suo esecutivo. Quel Governo, per farla breve, rischierebbe di cadere.

Quelle telefonate configurano reati, o lasciano intravedere fatti degni di un’indagine alla ricerca di reati? Possibili attentati a istituzioni e poteri pubblici? No, lo dice la Procura di Palermo. Esprimere in privato dei giudizi non lusinghieri a proposito di un uomo che rappresenta un potere pubblico (il Governo) o di un gruppo di uomini che rappresenta un altro potere pubblico (il potere giudiziario) rientra nel legittimo diritto di opinione che tutti hanno, anche Napolitano. Ebbe a criticare Berlusconi, Procura di Palermo, Di Pietro? Forse, non si sa, si dice, si scrive, si paventa. E’ reato? No, fintanto che il giudizio poco lusinghiero rimane privato (qualora fosse pubblico potrebbe essere diffamazione etc etc). E’ un’espressione di libera opinione? Sì.

E’ facile e un po’ aleatorio dire a Napolitano “male non fare, paura non avere”, invitarlo a rendere pubbliche quelle conversazioni con Mancino.

Non lo farà, e vorremmo ben vedere il contrario. Chi lo chiede sa che non lo farà, ma lo chiede perché fa gioco al montare dubbi e incrinare credibilità.

Non si tratta solo di diritto alla privacy nelle relazioni interpersonali, che solo potrebbe trovare antagonismo nella necessità di indagine giudiziaria e/o nel diritto di cronaca e di informazione dell’opinione pubblica. La prima non c’è. La seconda c’è, ma se le carte non escono fuori, se le telefonate non sono state trascritte o se trascritte riposano in cassaforte, beh, non si può chiedere al Ramo di segare l’Albero.

Non è solo privacy, dicevamo, ma anche tutela del “sacro” retroscena del Potere. In breve, Ragion di Stato.

Mettiamo il caso che un bravo giornalista riesca a trovare una fonte (qualcuno dello staff del Quirinale, o qualcuno vicino a Mancino, oppure qualcuno nel circuito Procura-polizia giudiziaria) e apprenda i dettagli delle conversazioni del Presidente. Pubblicarle sarebbe super scoop, massimo esercizio del diritto di cronaca. Mettere a nudo il Potere è sogno di qualsiasi cronista ed è anche un suo diritto-dovere (temperato a volte da altre ragioni meritevoli di tutela, come qualsiasi buon manuale di giornalismo spiega).

Chiedere a Napolitano di rendere pubbliche quelle conversazioni, però, è esercizio vano. E anche un po’ peloso, perché invece di criticare legittimamente il Presidente per le sue azioni politiche, si lascia passare un messaggio sotterraneo che ne inficia la credibilità, persino l’onestà. Lo si fa passare, neanche tanto velatamente, per “regista” di un fantomatico tentativo di depistare le indagini sulla Trattativa Stato-Mafia degli anni ’90.

Si può ben essere convinti della legittimità del proprio agire e del proprio conversare privato, senza avere il desiderio di renderlo pubblico. A maggior ragione se si è Capi di Stato, in un momento di transizione epocale a livello politico, economico e finanziario.

Fra qualche mese la Consulta dirà qualche parola “ultima” sulla questione, speriamo.

Se abbiamo fiducia in questa suprema istituzione costituzionale, allora attendiamo il giudizio senza pensare che questo non sia sereno in quanto inficiato dall’autorità di chi ha richiesto il suo parere (Napolitano).

Ingroia, l’assedio e il Guatemala

venerdì, agosto 17th, 2012

Trattativa Stato-Mafia e Pm sotto assedio.
La richiesta di pronunciamento da parte della Consulta fatta dal Quirinale a luglio mica bloccherà le indagini della Procura di Palermo. Andranno avanti. La Consulta esiste anche per questo. Per valutare possibili conflitti di attribuzione. Parlare di ostacolo alle indagini suona un pochino esagerato.

Il procuratore aggiunto Ingroia andrà per un anno a lavorare in Guatemala per conto di un organismo dell’ONU. Qui un’intervista in cui il magistrato spiega cosa andrà a fare e le motivazioni della sua scelta. Prima del Guatemala, Ingroia aveva un pochino diradato le proprie presenze dalle aule di giustizia palermitane e dai delicati processi in cui è componente della pubblica accusa. Vero è che deve coordinare le indagini, ma è vero anche che fino a qualche tempo fa guidava non di rado l’accusa in aula, in prima persona.

Rimane tuttavia difficile scacciare un pensiero sibilante. Che assedio è quello in cui l’assediato se ne va oltreoceano di sua volontà? Oppure, il che è lo stesso, se di assedio si tratta, che assediato è quello che se ne va oltreoceano quando da questa parte dell’oceano di cose da fare ce ne sono eccome, per lui e per le sacrosante battaglie della Giustizia italiana?

No a “emendamento selvaggio”. E Napolitano richiama il deputato che non si “inchina”

sabato, febbraio 25th, 2012

Cesare Damiano aveva detto che non si possono accettare provvedimenti a scatola chiusa, in Parlamento. Il capo dello Stato gli risponde stizzito, invitandolo a leggere meglio il suo richiamo a non mischiare mele e pere.

leggi anche la lettera di Giorgio Napolitano a Repubblica

Cipolle, arance e Partiti “scassaconti”

venerdì, febbraio 24th, 2012

Milleproroghe, una difesa da destra della lettera di Napolitano è quella de Il Tempo. “Se il Pd bofonchia allora non ha ben capito lo scenario”. Una linea simile a quella di Repubblica. I partiti inadeguati, il Governo va fatto lavorare in pace.

leggi anche Mario Sechi su Il Tempo

Milleproroghe, ma non tutti si “inchinano” al richiamo di Napolitano

venerdì, febbraio 24th, 2012

L’ex ministro prodiano del Lavoro, Cesare Damiano, dichiara che non si può accettare a scatola chiusa ogni provvedimento del Governo e che il Parlamento può e deve correggere i decreti emendandoli.

leggi anche Giovanna Casadio su La Repubblica

L’ira di Napolitano e i Partiti deboli

venerdì, febbraio 24th, 2012

L’ammonimento del Capo dello Stato al Parlamento contro l’abuso di emendamenti viene visto come un messaggio implicito ai partiti in vista delle future riforme. Non logorino l’azione di un Governo al quale loro non saprebbero dare alternative.

leggi anche Massimo Giannini su La Repubblica

Milleproroghe e ramanzina di Napolitano, ecco perchè

venerdì, febbraio 24th, 2012

Troppi emendamenti fuori tema nel Milleproroghe, si rischia che la Consulta le annulli. Napolitano scrive a Fini e Schifani, perchè non li può respingere. Dovrebbe respingere il decreto in toto, comprese le misure condivisibili e urgenti, ma non vuole. Quindi scrive

leggi anche Antonella Rampino su La Stampa